Il jersey

con Nessun commento

Esempio di vestico con tessuto jerseySul finire del XIX secolo il jersey era un pesante tessuto di maglia usato dai pescatori dell’isola inglese di Jersey. Era una maglia rasata, semplice, leggera, morbida e naturalmente elastica; veniva resa adatta a molteplici usi nel campo dell’abbigliamento.

E’ un tessuto che non può essere considerato tale! Infatti non è realizzato a telaio con trama e ordito, ma è una stoffa realizzata a maglia rasata o a nido d’ape.

Viene prodotto con le macchine per maglieria e risulta elastico sia in lunghezza che in larghezza e se realizzato a catena può avere anche la caratteristica di non smagliarsi cioè non permettere ai fili utilizzati, a seguito di una rottura, di perdere la maglia con la conseguenza del disfacimento del tessuto. Risulta essere leggero ma anche particolarmente morbido e, come già detto, elastico andando a modellarsi sulla forma del proprio corpo risultando anche assorbente e soprattutto facile da lavare.

Può essere fatto con qualsiasi fibra tessile le più usate comunque sono il cotone, la lana e la viscosa.

Macchina per fare tessuti jerseyTrova applicazione in tutti i campi, oltre che nell’abbigliamento anche nel arredamento e nel calzaturiero magari accoppiato a cuoio e gomma.

Trova comunque il suo maggiore utilizzo soprattutto nel settore dell’abbigliamento utilizzato negli abiti ma soprattutto leggings, gonne, intimo e soprattutto abbigliamento sportivo, sia maschile che femminile.

Ciò di particolarmente positivo del tessuto in jersey, oltre alla grande elasticità, è anche la sua freschezza: particolarmente nei mesi caldi gli abiti di jersey non solo risulteranno leggeri e comodi ma anche particolarmente traspiranti.

Pensate che era ritenuto inadatto alla sartoria, divenne di moda quando la stilista Coco Chanel lo impiegò per le sue creazioni.

Sembra che Coco Chanel acquistò, nel 1916, dall’industriale tessile Jean Rodier una partita di jersey lavorato a macchina col quale iniziò a realizzare i suoi capi.

Dell’iniziare di Coco Chanel ad utilizzare il jarsey per le sue creazioni esiste anche un’altra versione. In questa sembra che la stilista usò questo tipo di tessuto per aggirare un ostacolo contrattuale. Nel negozio infatti di

Primo negozio di Coco Chanel

Rue Carbon, per contratto, era prevista la vendita di soli cappelli, nei paraggi infatti c’era un altro negozio di abbigliamento. Il quell’epoca il Jersey non era considerato materiale valido per il confezionamento di vestiario femminile e questo gli permise di aggirare l’ostacolo. L’introduzione nel settore dell’abbigliamento di questo materiale fino ad allora destinato alla realizzazione di biancheria fu una vera novità.

Ancora oggi Chanel è nota per le sue creazioni in jersey, che appartenendo alla categoria dei tessuti a maglia è dunque confezionabile solo con un ago speciale a punta arrotondata per non spezzare le maglie.

In ragione della particolare elasticità del tessuto si applicano solo punti speciali molto elastici.

EmailShare
Segui Koqu:

Ultimi post da

Lascia una risposta


Warning: simplexml_load_string(): Entity: line 1: parser error : Start tag expected, '<' not found in /web/htdocs/www.koqu.es/home/W/wp-content/plugins/soslider-social-slider/handlers/facebook/init.php on line 173

Warning: simplexml_load_string(): Not Found <br /><a href="http://www.facebook.com/">Back to Facebook.</a> in /web/htdocs/www.koqu.es/home/W/wp-content/plugins/soslider-social-slider/handlers/facebook/init.php on line 173

Warning: simplexml_load_string(): ^ in /web/htdocs/www.koqu.es/home/W/wp-content/plugins/soslider-social-slider/handlers/facebook/init.php on line 173

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.koqu.es/home/W/wp-content/plugins/soslider-social-slider/handlers/facebook/init.php on line 174