Attaccar bottone…

con Nessun commento

Buongiorno,
non voglio con questo scritto illustrarvi come si attaccano i bottoni ai capi di abbigliamento, per questo vi rimando ad una facile ricerca in internet, basta inserire “come cucire un bottone” e le indicazioni o i video si sprecano.

Voglio piuttosto elencare una serie di “consigli” che nel tempo ho imparato anche a mie spese e che ho aggiunto a quelli che ho trovato leggendo qua e la.

Moltissime volte infatti diamo tutto troppo per scontato e non facciamo tesoro dei consigli altrui.

Vediamo un po’ se il mio contributo può essere utile …

Allora:

  • per fare in modo che i fili che tengono i bottoni si rompino di meno, basta passare un po’ di smalto trasparente sopra i bottoni;
  • attenzione a non passare il ferro da stiro sopra i bottoni, il caldo li danneggia;
  • per rinforzare la cucitura del bottone ed evitare che la tela si strappi in quanto molto leggera oppure soggetta ad un elevato sforzo, basta cucire all’interno del abito un bottoncino piatto oppure un dischetto di feltro;
  • quando si attacca un bottone, è bene tenere sempre un po’ lento il filo, in questo modo si potrà attorcigliare sotto, alla fine, un po’ di filo tanto da formare un “piedino”. Il bottone durerà di più;
  • per lasciare spazio tra il bottone e la stoffa, si può mettere sul bottone uno stuzzicadenti (o un fiammifero) a fare da Bottone con dimostrazione distanziatore. Questo va sfilato a cucitura ultimata prima di fare i soliti giri intorno al filo sotto;
  • dimensioni e peso del bottone devono essere sempre adeguati al tipo di tessuto: bottoni piccoli e leggeri per la stoffa sottile, bottoni grandi o pesanti, meglio se con gambo, per stoffa spessa;
  • se si recuperano dei bottoni da un capo che non si usa più, prima di metterli nella scatola dei bottoni, è meglio infilarli dentro ad un filo chiuso ad anello. In questo modo non si separeranno più e sarà più facile trovarli tutti al momento del bisogno;
  • appena un bottone vi cade, cucitelo subito, si rischia di perderlo o non ricordarsi dove lo si è messo. Una volta esistevano le mercerie dove era facile reperire bottoni, oggi è più difficile riuscire a trovarne uno simile se si perde;
  • molte volte trovate bottoni di riserva all’interno delle camicie o nei cartellini attaccati agi indumenti quando li comprate, metteteli in una bella scatola che prima o poi vengono buoni;

Abito uomo dell'800Voi avete qualche altra cosa da aggiungere?   Ne faremo tutti tesoro.

Una curiosità!
Lo sapete perché gli uomini hanno l’abbottonatura cucita dalla parte destra (contrario che negli abiti femminili)?

Questo deriva dal medioevo, da quando cioè gli uomini cominciarono ad usare i bottoni nei propri abiti. Avendo l’abbottonatura a destra infatti, potevano aprire le giacche più agevolmente con la mano sinistra, tenendo libera la mano destra per l’arma. In quel periodo per le donne invece, venivano usati più sovente laccetti o abbottonature senza verso tipo i gemelli dei polsini.

A Partire invece dall’800 quando i bottoni si diffondono anche nel corredo femminile, viene sancita per consuetudine la differenza: per gli uomini i bottoni attaccati sulla parte destra e quindi la parte sinistra del vestito sormonta la destra, mentre le donne al contrario, i bottoni a sinistra.

Share
Segui Koqu:

Ultimi post da

Lascia una risposta